Marco Gregoretti

Intercettazioni. A chi dava fastidio la sintonia tra Berlusconi e Putin? Ecco i take di Wikileaks

Intercettazioni. A chi dava fastidio la sintonia tra Berlusconi e Putin? Ecco i take di Wikileaks

“L’Italia deve smettere di cercare di moderare politicamente tra la Russia e gli Stati europei. il Governo russo avrebbe probabilmente bisogno di modificare i suoi calcoli politici”.
Che Silvio Berlusconi fosse spiato e tenuto d’occhio dall’amministrazione americana è fatto noto almeno da cinque anni. Da quando, cioè, Julian Assange buttò in rete i clamorosi report, noti come Wikileaks, con i quali si mostrava al mondo il presunto lato oscuro dell’America, e non solo. In quel periodo lavoravo in un giornale economico-finanziario e l’editore volle che io, in un paio di giorni, preparassi un istant-book da allegare al quotidiano. Un lavoro improbo perché i take pubblicati da Assange e dalla sua estesa rete, erano infiniti: migliaia, decine di migliaia, centinaia di migliaia… Una produzione a getto continuo, poi improvvisamente interrotta. Non si è mai capito a chi giovò quella operazione di contro-intelligence. Sicuramente non fu casuale. Quando in questi giorni è saltata fuori la storia delle intercettazioni ai danni di Silvio Berlusconi, sono andato a buttare un occhio nel mio archivio. In una cartella avevo salvato almeno sei report su Berlusconi redatti da funzionari americani in Italia e poi inviati a Whashington. Sì, è proprio vero, qualcuno temeva i rapporti politici ed economici tra l’Italia di Berlusconi e la Russia di Vladimir Putin. Qui di seguito vi propongo quei take riservati del periodo 2009-2011, scoperti e pubblicati da Assange. Berlusconi, l’Eni, Rupert Murdoch, Putin… Carta canta.
Marco Gregoretti

Angela Merkel, Barak Obama, Michelle Obama

Angela Merkel, Barak Obama, Michelle Obama

1) 09 Moscow 1273
2009/05/19

Titolo: Putin-Berlusconi amici di famiglia a tutto gas

I legami economici, in particolare i contratti a lungo termine per il gas, sono un pilastro delle relazioni Russia-Italia e influenzano la politica italiana verso la Russia. ENI e Gazprom hanno impegni di fornitura in vigore fino al 2035, e un accordo di joint-venture per la costruzione del gasdotto South Stream. Il rappresentante della società ENI è spesso chiamato l’ambasciatore d’Italia in Russia. Il rapporto personale tra il premier Vladimir Putin e Silvio Berlusconi è l’altro elemento chiave delle relazioni Russia-Italia, con le visite dei familiari di Putin presso il palazzo di famiglia di Berlusconi in Sardegna a spese di Berlusconi. I diplomatici italiani godono di un ottimo accesso presso i funzionari russi. L’Italia deve smettere di cercare di moderare politicamente tra la Russia e gli Stati europei. il Governo russo avrebbe probabilmente bisogno di modificare i suoi calcoli politici.

Silvio Berlusconi e Vladimir Putin

Silvio Berlusconi e Vladimir Putin

2)095 ROMA 97
2009/01/19

Titolo: Politici di destra e di sinistra spiati dagli USA per paura degli accordi con Putin

Il rapporto con la Russia dell’Italia è complesso, perché comprende storiche simpatie ideologiche,
calcoli geostrategici, la pressione commerciale, la dipendenza per l’ energia e le relazioni personali tra i principali leader.
La combinazione di questi fattori crea una forte tendenza
per la politica estera l’Italia ad essere molto ricettiva verso gli sforzi russi per ottenere una maggiore influenza politica nella UE e a sostenere gli sforzi della Russia per diminuire la certezza degli interessi americani in Europa. L’energia
è la questione più importante e la ricerca di
approvvigionamento energetico stabile dalla Russia spinge spesso l’Italia a scendere a compromessi sulla sicurezza e su questioni politiche.
Un fattore non trascurabile è il desiderio di Berlusconi di essere visto come un importante protagonista europeo sulla politica estera, che va dove gli altri non osano…
In tutta la guerra fredda il movimento comunista italiano ha mantenuto stretti legami con l’Unione Sovietica, con gli altri paesi comunisti, e con molti movimenti rivoluzionari comunisti. A differenza di molti altri partiti comunisti
in tutto il mondo, il movimento comunista italiano è rimasto
convinto che il marxismo-leninismo sia una valida
alternativa economica al capitalismo . Mentre molti intellettuali europei di sinistra
riconoscono che – a parte un approccio autoritario – la Russia di Putin ha poco degli ideali comunisti, questo fatto non ha scoraggiato i comunisti italiani e altri politici radicalmente di sinistra a essere apertamente filo-Russia. Questo, combinato con l’età media o avanzata della maggior parte dei politici di alto livello italiani (65-70), impedisce a molti dell’estrema sinistra di uscire da una visione del mondo sviluppata (e apparentemente congelata) durante la Guerra Fredda.

Le esportazioni italiane verso la Russia sono cresciute del 230 per cento, da 2,7 miliardi di euro
a 9,5 miliardi. Molti dei più importanti uomini d’affari italiani hanno cominciato a vedere la
Russia come un mercato senza limiti che potrebbe sostituire le perdite di esportazioni
verso altre parti del mondo. Questi imprenditori mantengono
un forte legame con i politici free-market-oriented e di
destra, compreso Silvio Berlusconi.

Putin ha avuto più incontri bilaterali con il Primo ministro italiano nel recente passato che con qualsiasi altro leader mondiale.
E ‘stato il primo capo di Stato ad incontrare Berlusconi dopo le elezioni del 2008. È arrivato in Sardegna per visitare il PM designato prima che quest’ultimo giurasse.
Berlusconi è convinto che Putin è suo amico intimo e personale e continua ad avere più
contatti con Putin che con qualsiasi altro leader mondiale. Durante la crisi della Georgia Berlusconi ha parlato con Putin tutti i giorni per quasi una settimana. La base della amicizia è difficile da determinare. (Un contatto in carica del primo ministro ci ha detto che i loro frequenti
incontri sono accompagnati da scambi di doni lussuosi). Berlusconi
ammira il macho Putin, deciso e autoritario, stile basato sulla disciplina, che il premier italiano crede che corrisponda al proprio. Da parte russa, sembra che Putin abbia dedicato molte energie allo sviluppo del rapporto di fiducia con Berlusconi.

L’ambasciatore georgiano a Roma
ci ha detto che il governo del Gujarat crede che Putin abbia promesso a Berlusconi una percentuale di utili da qualsiasi affare sviluppato intorno al gasdotti di Gazprom in
coordinamento con ENI. I nostri contatti nel PdL, il partito di Berlusconi, ci hanno rivelato , che l’uomo chiave di Berlusconi per la Russia, è un parlamentare “oscuro” che non ha neanche il segretario: Valentino Valentini, parla russo e si reca in Russia diverse volte al mese, appare spesso vicino a Berlusconi quando incontra altri leader mondiali. Ciò che egli fa a
Mosca durante le sue frequenti visite è chiaro: dice di cercare di tutelare gli interessi di Berlusconi in Russia.
Tutti i nostri interlocutori – xxxxxxxxxxxx – riferiscono che Berlusconi determina
la politica del’ Italia nei confronti della Russia da solo, senza chiedere o
accettare consigli. Anche il ministro degli Esteri Frattini ammette di non esercitare influenza su Berlusconi sulla Russia.
Berlusconi considera la politica della Russia come
fa con i suoi affari di politica interna – tatticamente e giorno per giorno.
Il suo grande desiderio è di restare nelle grazie di Putin, e
egli ha più volte espresso pareri e dichiarazioni che sono state
suggerite a lui direttamente da Putin. Un esempio: a seguito della
la crisi in Georgia, Berlusconi ha cominciato (e continua) a insistere
che la Georgia è stato l’aggressore e che il governo del Gujarat è stato responsabile di diverse centinaia di morti civili in Ossezia del sud.

Cercare di stabilire chi possa avere una qualche influenza
sulla politica di Berlusconi verso la Russia non è un compito facile. Frattini per la politica nei confronti della Russia è ampiamente considerato solo come il messaggero del Primo ministro.
Nel 2008 il MAE (Ministero Affari Esteri.Ndr) ha intrapreso uno sforzo per produrre una
strategia a lungo termine di politica estera per il governo italiano. In un documento intitolato
“Rapporto 2020″ la Farnesina ha esposto la sua visione strategica per il prossimi15 anni. Il documento osserva che le realtà geostrategiche hanno
creato la necessità per l’Italia di adeguare la sua politica estera in materia di
Russia e chiede che l’Italia cerchi ‘un rapporto privilegiato’ con
Mosca per l’energia.

In assenza di risorse energetiche interne, di centrali nucleari, la chiave dei rapporti bilaterali con la Russia è la ricerca degli approvvigionamenti energetici. Il governo italiano ha sostenuto l’ENI e gli sforzi di altri colossi dell’energia per creare una partnership con Russia e Gazprom per la cooperazione a lungo termine. ENI, in Italia esercita un immenso potere politico, la sua strategia di business è generalmente percepita come eccessivamente rischiosa da molti dei suoi concorrenti internazionali.

I membri dei partiti politici di entrambi gli schieramenti ci hanno detto che l’ENI non limita il dialogo con il governo per le questioni energetiche. Un membro del centro-sinistra,PD, ha detto che la presenza di Eni in Russia supera quella dell’Ambasciata d’Italia. Mentre non è chiaro quanto la politica
coordinamento si verifica tra l’ENI e il politico russo
struttura, gli stessi membri del partito PD hanno osservato che l’ENI ha avuto più contatti più
con i leader politici ed economici russi che la stessa Ambasciata e che i messaggi politici sono passati spesso attraverso tali
canali commerciali / economici.
Una politica energetica senza la politica
I leader italiani di entrambe i poli sembrano stranamente indifferenti alla dipendenza dall’energia russa. Essi spiegano che l’Italia
dipendeva dal carbone russo durante i giorni più bui della Guerra Fredda con conseguenze disastrose.

Secondo ENI la vera minaccia alla sicurezza energetica dell’Europa occidentale non è la Russia, ma è l’Ucraina. La vera soluzione per l’incertezza energetica dell’Europa,
secondo ENI, nelle connessioni delle tubature direttamente ai giacimenti di gas russi. Eni spera di costruire utilizzando entrambi gli oleodotti grazie all’esperienza maturata nella costruzione di Blue Stream, gasdotto che collega Russia e Turchia e che passa sotto la parte orientale della
il Mar Nero. Inoltre, ENI cerca piena collaborazione con la
Russia pere il progetto South Stream. Governo italiano e contatti ENI hanno riferito
che la società stava avendo problemi a trovare una ditta russa
interessata a questa partnership per South Stream. Il crollo del prezzo degli idrocarburi può avere ridotto gli incentivi economici per questo progetto,
Ma le recenti dispute per il gas tra Russia e Ucraina sembra averno aver ravvivato l’interesse per Nord Stream e South Stream, soprattutto tra coloro che vedono
l’ Ucraina come il problema.

L’Italia non è completamente insensibile ai pericoli della dipendenza dalla Russia, tuttavia, e sta prendendo alcune misure per ridurre la percentuale della loro energia che riceve dalla Russia. Al suo ritorno al potere, Berlusconi ha annunciato la ripresa del nucleare. Questo progetto richiederà spesse impegno a lungo termine, e la risoluzione della spinosa questione ambientale. Alcuni temono che il progetto nucleare sia stato lanciato in risposta
al prezzo del petrolio di 140 dollari al barile, e si chiedono se l’impegno italiano per l’energia nucleare venga abbandonato se il prezzo del petrolio torna basso. In Italia
è in aumento anche l’uso di gas naturale liquido e stanno completando i lavori per un nuovo terminal nell’Adriatico settentrionale.Il governo italiano non è entusiasta del progetto del gasdotto UE Nabucco, preferisce il gasdotto su piccola scala Turchia-Grecia-Italia destinato a portare il gas del Caspio verso l’Europa occidentale. Edison,
società francese con radici italiane, sta decidendo se impegnarsi in questo progetto. Edison ritiene che il suo progetto ha una possibilità di successo perché a differenza di Nabucco, è abbastanza piccolo e non suscita l’opposizione di Russia. Il particolarmente potente
Ministro dello Sviluppo Economico Scajola – sostiene il progetto TGI
(In realtà i funzionari GOI si lamentano se gli Stati Uniti indicano che Nabucco dovrebbe avere la priorità).

La combinazione di ideologico storico e di
simpatia, la dipendenza energetica, la mancanza di influenza istituzionale, e uno stretto rapporto personale tra Berlusconi e Putin, servirà a fornire alla Russia un alleato apparentemente attendibile, apertamente disposto a lavoro straordinario all’interno dell’UE per conto di Mosca. La Russia può contare sull’ Italia per sostenere i suoi sforzi per rimuovere i problemi nelle sue relazioni con
l’Occidente, tra cui il sostegno agli sforzi russi di minare UE e l’energia degli Stati Uniti

In passato, il qualificato e stretto rapporto tra Berlusconi e il presidente americano Bush è stato un importante contrappeso all’influenza russa. Berlusconi ha dichiarato pubblicamente che gli piacerebbe diventare un
ponte tra gli Stati Uniti e la Russia e per educare “, un giovane e inesperto nuovo presidente americano “su come trattare con i russi.

Berlusconi insiste nel dire che la Russia è un paese democratico e stabile e che è stato provocato dall’Occidente. Lo sforzo sembra essere ricambiato. Alcuni nel Pd hanno
iniziato ad avvicinarsi a noi in privato per dire che auspicano un maggiore
dialogo con noi sulla questione Russia … Purtroppo, abbiamo un Primo ministro che appare sempre più come il portavoce di Putin.

Le relazioni bilaterali tra Stati Uniti e
L’Italia sono eccellenti e comprendono la cooperazione a vari livelli e su molti fronti.
Purtroppo, gli sforzi di Berlusconi per “riparare” il rapporto
tra l’Occidente e la Russia sono una minaccia per la sua credibilità e diventano un vero e proprio “intossicante” nelle nostre relazioni. Siamo in grado di aiutarlo a tornare sulla strada giusta con l’invio a lui di un segnale chiaro
che gli Stati Uniti non hanno bisogno di un interlocutore importante per il suo rapporto bilaterale con la Russia e che la sua insistenza nel minare le
strutture esistenti sulla base di interessi comuni e valori condivisi all’interno dell’Alleanza, in cambio di stabilità a breve termine, non è una strategia che Washington intende esercitare.

Berlusconi e Putin

Berlusconi e Putin

3)09ROME649
2009/06/09
Titolo: …Ma Berlusconi resta un amico
Signor Presidente, il suo incontro con il Presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi arriva in un momento in cui i suoi più stretti consiglieri temono che l’Italia stia perdendo la credibilità e l’influenza di cui godeva a Washington sotto la precedente amministrazione statunitense…
Debolezze politiche e malessere economico stanno diluendo la sua influenza internazionale. L’Italia continua a sostenere i nostri sforzi in Afghanistan, Libano, Iraq e nei Balcani, ma le sue istituzioni diplomatiche sono tese… Berlusconi e il suo governo hanno cercato di compensare il fallimento in Italia ad investire nei propri strumenti del potere nazionale, presentando l’Italia come mediatore e interlocutore con i soggetti difficili sulle principali questioni internazionali. Questo ruolo che si è dato autonomamente a volte ha complicato gli sforzi internazionali. Sull’ Iran, per esempio, il ruolo d’Italia ha dato l’impressione che la comunità internazionale fosse divisa. Più recentemente, le azioni di governo italiano hanno fornito una piattaforma europea agli sforzi della Russia di sfidare gli interessi di sicurezza della NATO in Europa. Berlusconi, certamente si presenterà come la migliore opzione per moderare il comportamento russo e cercherà un segnale da lei che ha un mandato di parlare a nome dell’Occidente. Si cercherà inoltre di utilizzare presidenza del G8 in Italia per affrontare questioni ben oltre la portata e l’efficacia dell’organizzazione. L’Italia ha una voce importante nella comunità euro-atlantica, ma i suoi sforzi si sono rivelati costruttivi solo se effettuato in coordinamento con gli Stati Uniti e altri alleati chiave.

Il nostro rapporto con Berlusconi è complesso. …¶ Nonostante i suoi difetti, emarginando Berlusconi limiterebbe l’importante collaborazione con un alleato chiave. Berlusconi è uno dei politici più longevi d’Europa la cui popolarità in Italia influenzerà la politica italiana per molti anni ancora a venire. Si è arrestato il trend italiano dei governi di breve durata che ha afflitto questo paese dalla fine della seconda guerra mondiale. …Ha dimostrato la volontà di adottare politiche, anche se impopolari, in linea con noi, incluso il supporto per un ruolo più importante della NATO in Afghanistan e l’adesione della Turchia nella UE… Trattare con Berlusconi, quindi, richiede un attento equilibrio e uno stretto coordinamento con lui e i suoi consiglieri chiave…

Il Governo Berlusconi sta portando avanti i piani per riportare il nucleare in Italia. Aziende come Westinghouse e General Electric devono affrontare una forte concorrenza da parte di rivali stranieri, in particolare francesi i cui governi fanno forti pressioni sul governo italiano. Gli Stati Uniti si aspettano che si tratti di una concorrenza leale e trasparente

La solida relazione USA-Italia garantisce maggiore impegno nelle nostre missioni militari all’estero… Ma si potrebbe essere tentati di definire il Primo ministro come interlocutore frivolo, con la sua manie personali, le gaffe pubbliche e, a volte politicamente imprevedibile, ma crediamo che questo sarebbe un errore. Nonostante i suoi difetti, Berlusconi è stato il termine di paragone della politica italiana degli ultimi 15 anni, e ogni indicazione dice che sarà in giro per anni a venire… Nel perseguimento dei nostri obiettivi comuni, egli si è dimostrato un alleato e amico degli Stati Uniti. Egli rispetta e ammira gli Stati Uniti, ed è desideroso di costruire un rapporto forte e di successo con te.

Julian Assange protagonista di Wikileaks

Julian Assange protagonista di Wikileaks

4)10ROME125
2010-02-03
Titolo: La guerra a colpi di Internet e di Pay per view tra Berlusconi e Murdoch
David Thorne, critica il disegno di legge Romani: “Nonostante le rassicurazioni del Governo italiano, la legge è in bilico perché sembra essere stata scritta per garantire al governo abbastanza libertà da bloccare e censurare ogni contenuto web”. … “Per anni il governo degli Stati Uniti ha chiesto una maggiore cooperazione in tema di pirateria, e l’Italia ha fatto pochissimo. Ora si salta la cooperazione e si passa a una dura regolamentazione (..) Se la legge passasse, potrebbe garantire una base legale per azioni contro gli operatori nel settore media che dovessero dimostrarsi in competizione, commerciale o politica, con esponenti del governo”. … “Berlusconi e Mediaset hanno usato il potere (per favorire i propri interessi) sin dai tempi di Bettino Craxi. Inoltre, questa legge creerebbe un precedente che nazioni come la Cina potrebbero copiare o usare come giustificazione nel porre un limite alla libertà di parola”

SINTESI: gli oppositori ad una nuova legge del parlamento italiano che regolamentata ulteriormente Internet sostengono che essa mette in pericolo la libertà di parola ed è una minaccia per la democrazia italiana. Il disegno di legge sembra anche favorire il gruppo televisivo Mediaset proprietà del primo ministro Berlusconi mentre penalizza Sky, uno dei suoi maggiori concorrenti. Il governo italiano sostiene che il disegno di legge è l’ attuazione la direttiva dell’Unione europea che omogeneizza la regolamentazione televisiva e che le disposizioni oggetto di critica sono state progettate per una maggiore protezione del copyright e per proteggere i bambini da trasmissioni inappropriate, e per evitare ai consumatori il doppio pagamento del canone e di essere sottoposti a pubblicità eccessiva sui canali delle pay-TV. Gli oppositori sostengono che la legge supera di gran lunga lo spirito della richiesta comunitaria limitando invece fortemente la libertà di espressione su Internet. La regolamentazione pubblicitaria e i contenuti nel disegno di legge, sono invece stati letti come un intervento in favore di Berlusconi per favorigli un maggiore controllo della comunicazione e di indebolire i concorrenti di Mediaset. L’attuazione del disegno di legge è stata rinviata dalla data originale del 27 gennaio perchè il Parlamento sta ancora discutendo in merito. Il governo italiano sembra aperto alla discussione del testo del disegno di legge. Ma la reazione alla proposta di legge è forte tra l’opposizione politica e quella dei professionisti delle telecomunicazioni, il dibattito non ha però conquistato le prime pagine dei giornali quindi non c’è stata una forte reazione pubblica. Nonostante le dichiarazioni fatte dal governo, il disegno di legge è preoccupante in quanto sembra essere stato scritto per dare abbastanza margine di manovra al governo per bloccare o censurare qualsiasi contenuto Internet.

Secondo le autorità italiane, il progetto di legge Romani (dal nome di Paolo Romani, Vice Ministro allo Sviluppo Economico, che, riguarda gli aspetti della comunicazione) è stato progettato per implementare la direttiva UE 2007/65CE, che mira ad armonizzare la regolamentazione dei media nella UE. Molti professionisti del settore delle telecomunicazioni credono invece che il disegno di legge superi enormemente la portata e lo spirito della legge UE. Il disegno di legge è complesso, ci sono tre motivi primari di interesse: i limiti di upload sul internet, i massimali di pubblicità televisiva, e i limiti alle visioni dai contenuti censurabili. Ciò limiterebbe molto la programmazione dei programmi statunitensi giudicati dalla censura italiana in larga parte non adatti ad un pubblico sotto i 14 anni.

Le disposizioni contenute nel disegno di legge renderebbero i fornitori di servizi Internet (ISP), e siti di hosting come Blogspot e YouTube, responsabili dei loro contenuti quanto lo sono i canali televisivi. Nella più stretta interpretazione della legge, i siti e gli ISP dovrebbero controllare tutti i contenuti che pubblicano, i quali però vengono caricati da milioni di singoli utenti. Questa è considerata una procedura impossibile, anche in termini economici. L’Autorità delle Comunicazioni italiana (AGCOM) sarebbe la responsabile legale della supervisione. Molti hanno interpretato il disegno di legge come una imposizione del governo che dovrebbe concedere il permesso prima che ogni video sia caricato.

Antonello Busetto, direttore delle relazioni istituzionali per Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, una associazione che rappresenta gli interessi delle aziende italiane, ha detto che il provvedimento significherebbe “la morte di Internet in Italia”.

Il commissario per le comunicazioni Italiane Nicola D’Angelo ha dichiarato alla stampa, “l’Italia sarà l’unico paese occidentale in cui è necessario avere prima il permesso del governo per utilizzare questo servizio … Questo rivela un rischio democratico, indipendentemente da chi sia al potere. “Allo stesso modo, il presidente di AGCOM, Corrado Calabro ha detto che l’Italia sarebbe unico paese in Occidente ad avere restrizioni ad Internet imposte dal un governo.

Il governo italiano dice che il provvedimento è volto a tutelare il materiale protetto da copyright, per non poter più caricare e scaricare illegalmente, nonché a monitorare le altre attività potenzialmente illegali su Internet. L’industria del copyright ha espresso limitate approvazioni al disegno di legge. Enzo Mazza, presidente della Federazione Italiana Musica, ha detto che l’industria della musica è in generale favorevole a rendere gli ISP e i siti più preposti alla tutela del materiale protetto da copyright, però, ha aggiunto che la sua analisi del disegno di legge si è concentrata solo su questo aspetto e non sulle altre implicazioni.

Questo renderebbe gli ISP e i siti di opinione perseguibili per diffamazione come lo sono le televisioni. Molti considerano ciò un modo per controllare il dibattito politico su Internet. Altri vedono un divieto, volto a limitare i video e le TV disponibili su Internet. Alessandro Gilioli, scrive sul blog del settimanale liberale L’Espresso: “E’ il metodo Berlusconi: Uccidi i tuoi nemici potenziali, finchè sono ancora piccoli. Ecco perché chiunque faccia Web TV – anche dalla soffitta a casa – deve ottenere l’approvazione ministeriale e una serie di altri obblighi burocratici. “

AGCOM avrebbe l’autorità per far rispettare la legge. Tra i poteri dell’Autorità ci sarebbe la capacità di bloccare Il traffico in Italia di siti il cui contenuto non ha raggiunto la requisiti di legge. Ad esempio, YouTube potrebbe essere bloccato perché il contenuto non è stato caricato con approvazione del governo. AGCOM sarebbe anche in grado di imporre multe fino a € 150.000 contro le società straniere che violano la legge. Anche se teoricamente AGCOM è un’agenzia indipendente, molti temono che non sia abbastanza forte per resistere alle pressioni politiche.

Il disegno di legge avrebbe posto limiti alla pubblicità sui canali pay-tv che superano la direttiva UE riducendo in Italia il massimale UE dal 20% al 12% entro il 2012. La disposizione penalizzerebbe in particolare Sky. Alcuni sostengono che il provvedimento miri a favorire i canali gratuiti Mediaset di Berlusconi, canali via etere, che non sarebbero soggette al limite. Mentre i canali Mediaset a pagamento sarebbero soggetti al tetto pubblicitario, ma i canali Mediaset hanno attualmente meno del 12%. Inoltre, la riduzione della possibilità di pubblicizzare sulle pay-TV spingerebbe la pubblicità verso i canali gratuiti gestiti da Mediaset e dallo Stato italiano con le reti RAI. Questo consentirebbe a Berlusconi di guadagnare di più e anche di esercitare un maggiore controllo dell’informazioni pubblica, dice Busetto.

Il disegno di legge pone delle restrizioni severe in materia di orarioe di diffusione dei cosiddetti “contenuti per adulti”, praticamente tra le 7 e le 23 i canali come quelli offerti da Sky. Anche i canali pay-per-view sarebbero soggetti a restrizioni poichè ottengono buona parte dei loro introiti dal settore rivolto al solo pubblico adulto. Il disegno di legge proibirebbe la trasmissione di film vietati ai minori di 14 anni fino alle 23. un rapporto stampa ha detto che questo renderebbe un film come “La febbre del Sabato Sera” non visibile fino a tarda serata. Ancora una volta, alcuni oppositori hanno espresso la preoccupazione che l’obiettivo sia quello di danneggiare la concorrenza a Mediaset.

Parere presso dalla UE sembra essere in conflitto. Secondo notizie di stampa, l’Unione europea minaccia di avviare una procedura di infrazione contro l’Italia per non aver tempestivamente attuato la direttiva sui media. Allo stesso tempo, altri organi di stampa sostengono che le limitazioni nel disegno di legge italiano violano la direttiva comunitaria sul commercio elettronico.

Nelle dichiarazioni ufficiali il governo insiste il disegno di legge è in alcun modo di soffocare la libertà di parola. Gli oppositori sono vocali e usando un linguaggio allarmistico, ma al di fuori di Telecom industrie loro numero sembra essere di piccole dimensioni. Vi è stato non visibile oltraggio pubblico, e anche Beppe Grillo, un pubblico personalità di solito franchezza regolamentazione del governo, soprattutto che il coinvolgimento del Internet, ha detto molto poco.

Dopo che Berlusconi è stato attaccato a Milano nel dicembre e una fan page di Facebook per il suo aggressore ha rapidamente accumulato sostenitori, il governo italiano ha espresso la necessità di una regolamentazione dei social network.

Per anni, il governo degli USA ha sollecitato il governo italiano a proteggere il materiale coperto da copyright su Internet L’Italia ha fatto pochissimo. Ora, questo disegno di legge ignora la collaborazione, e si sposta improvvisamente direttamente a una regolamentazione molto severa. Alla luce della sua riluttanza ad agire su questo tema in passato, e dati anche i numerosi vantaggi commerciali che questa legge sembra dare a Mediaset e alla tv di Stato, l’affermazione che le disposizioni del governo su Internet abbiano lo scopo di proteggere il copyright desta forti sospetti.

I sostenitori della libertà di Internet ci hanno ripetutamente messo in guardia del fatto che in Italia le élite tradizionali – di entrambi gli schieramenti politici – sono molto a disagio con la capacità di Internet di bypassare i media tradizionali da loro controllabili. Poichè questo nuovo progetto di legge sembra risolvere questa preoccupazione, e perché serve gli interessi delle attività di Berlusconi, non è escluso che questa normativa possa realmente entrare in vigore in Italia. Prendiamo atto che i funzionari di Sky ci hanno detto che il vice ministro Romani è a capo negli sforzi del governo per aiutare Berlusconi e Mediaset a mettere SKY in svantaggio. Questo è un modello familiare: Berslusoni e Mediaset sono state utilizzate dal governo in questo stesso modo, fin dai giorni del primo ministro Bettino Craxi. Inoltre, questo progetto di legge sarebbe un precedente che nazioni come la Cina potrebbero copiare o citare come motivazione nelle loro restrizioni sulla libertà di parola.

5)10ROME1
2010-01-01

Titolo: l’Ambasciatore VISITA BERLUSCONI dopo l’aggressione: “è stato molto positivo nelle relazioni italo-americane”

Il 30 dicembre, l’Ambasciatore ha fatto visita al Primo Ministro Silvio Berlusconi, in via di guarigione, nella sua residenza lombarda, per un pranzo privato. L’Ambasciatore aveva ipotizzato di fare visita a Berlusconi dopo che questi era stato assalito durante una manifestazione a metà dicembre. Accompagnato da Gianni Letta, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed effettivo braccio destro di Berlusconi, l’Ambasciatore ha raggiunto il Primo ministro con l’aereo privato di quest’ultimo. Bendato e contuso a causa dell’aggressione subita a dicembre, Berlusconi era comunque allegro e ansioso di mostrare il suo nuovo progetto per la formazione dell’elite italiana, nonché il suo parere sui leader europei e sulla politica interna. Berlusconi è stato molto positivo sulle relazioni italo-americane e Letta ha promesso che saranno intraprese azioni per intervenire nelle operazioni dell’ENI in Iran e andare avanti col Megaports.

6)09ROME1187
2009-10-27

Titolo: GLI SCANDALI STANNO MINANDO LA STABILITA’ POLITICA E PERSONALE DI BERLUSCONI

Nonostante la maggioranza in Parlamento del Premier Berlusconi sia forte e nessuno sia intenzionato a pronosticare la fine della sua era politica, una lista sempre più lunga di scandali, decisioni giudiziarie contrarie e problemi di salute lo hanno indebolito e alcuni vecchi alleati di Berlusconi hanno iniziato a valutare pro e contro della sua longevità politica. In un ambiente politico inasprito, i discorsi su teorie di cospirazione spesso prevalgono sul vero dibattito politico e distraggono il governo Berlusconi dal raggiungimento, se non dallo sviluppo, di un’agenda politica coerente. FINE DELLA SINTESI.

Marco Gregoretti
facebooktwitter